Il Workshop Progea sul telecontrollo

Si è svolto lo scorso 2 Marzo a Modena, presso la sede Progea, il workshop orientato al settore del telecontrollo.

Progea e Lacroix-Sofrel hanno organizzato un seminario sul Telecontrollo, basato su esempi concreti e dimostrazioni pratiche, con lo scopo di illustrare l’utilizzo della tecnologia Scada/HMI di nuova generazione Movicon.NExT applicata ai dispositivi RTU S500 di Lacroix Sofrel per il settore del telecontrollo, in particolare per il settore acque.
Ospite d’onore, l’Ing. Carletti di C.A.D.F. (Consorzio Acque Delta Ferrarese) che ha illustrato il case history del nuovo impianto di telegestione di tutto il ciclo idrico integrato gestito dall’azienda, basato sul nuovo centro di controllo utilizzante la tecnologia di supervisione di Movicon.NExT.
Progea ha presentato le caratteristiche GeoScada di Movicon.NExT, dimostrando come le mappe geografiche possono geo-referenziare le informazioni dinamiche di un impianto distribuito sul territorio, ovviamente non solo in riferimento al settore acque, ma ovunque necessiti gestire sistemi di telemetria e connettività remota, anche con protocolli diversi come IEC60870 o per altri tipi di RTU. Sono state illustrate le tecniche di utilizzo per realizzare un sistema di supervisione e telecontrollo connesso ad RTU S500 di Lacroix Sofrel, utilizzando nella comunicazione il driver nativo LACBUS PC disponibile in Movicon.NExT.
Lacroix Sofrel ha illustrato, con Luca Berardi e Augusto Perrone, le apparecchiature RTU in campo, le loro caratteristiche ed il loro utilizzo. Il tema del seminario è stato appunto quello di indicare come, per un gestore o un system integrator, sia una scelta vincente quella di utilizzare le eccellenze tecnologiche, rispettivamente nel settore software e nel settore hardware, ottenendo indubbi vantaggi in termini di soluzioni innovative, efficienti ed ad alto valore aggiunto,
Un particolare ringraziamento va all’Ing. Giacomo Carletti, Responsabile Tecnico di C.A.D.F. il quale ha descritto dettagliatamente l’estensione della rete idrica gestita ed il progetto del nuovo sistema di telecontrollo, che l’ente sta sviluppando autonomamente utilizzando la tecnologia di Movicon.NExT, collegata agli RTU di Lacroix Sofrel. Il progetto, eseguito e mostrato agli oltre 40 partecipanti al seminario (l’evento era a numero chiuso), gestisce i dati e la visualizzazione di:
2.307 km di condotte di adduzione e distribuzione
2 centrali di potabilizzazione
19 impianti di accumulo – sollevamento
47 impianti di depurazione
192 impianti di sollevamento acque reflue
904 km di rete di raccolta delle acque reflue
Per una copertura acquedotto del 100%, copertura depurazione e fognatura del 87% con un volume stoccaggio di acqua potabile : 45.600 mc
Numeri significativi per un progetto che deve garantire il controllo permanente a distanza delle installazioni, la gestione degli allarmi ed interventi di manutenzione più rapidi, la gestione automatica della portata e delle pressioni in funzione della domanda, l’automazione del sistema e la telegestione dei processi idraulici, utile ad individuare e ridurre le perdite e ridurre i costi di energia, gestione e manutenzione. Tutto questo grazie alla capacità di analisi e progettazione di C.A.D.F. che ha individuato in Progea e Sofrel i partners tecnologici ideali.
Il workshop è stato aperto ed alla fine concluso da Paolo Fiorani, della Direzione Progea, che ha sottolineato l’impegno costante dell’azienda software modenese nello sviluppo innovativo delle migliori tecnologie software applicate ai moderni sistemi di automazione e telecontrollo.